Google+ Badge

domenica 15 settembre 2013

CINEMA Rush



RUSH
 REGIA: Ron Howard. 
INTERPRETI: Chris Hemsworth, Daniel Brühl, Olivia Wilde, Natalie Dormer, Lee Asquith-Coe, Tom Wlaschiha.  Durata 123 min. - USA, Gran Bretagna, Germania 2013. Musica: Hans Zimmer



Si scrisse spesso, all’epoca, che il lungo duello tra Niki Lauda e James Hunt era una storia da cinema. Trentasette anni anni dopo Ron Howard ha portato sullo schermo quella storia, riuscendo ad andare oltre la rappresentazione della pur esaltante e drammatica vicenda sportiva.
        Giovedì esce nei cinema italiani “Rush”, due ore di spettacolo intenso ed assoluto, che sarebbe assai riduttivo definire film sportivo. Non c’è dubbio che la storia e lo spessore dei protagonisti, fossero elementi straordinari per costruire un racconto cinematografico avvincente e convincente.
        James e Niki, così diversi sia nella vita privata che nel modo di correre e di vivere. Sia la vita quanto il correre su quei bolidi di una Formula 1 che allora troppo spesso vedeva morire i suoi eroi. Perchè le misure di sicurezza erano troppo lente per il progresso tecnologico e perchè già in quel periodo rispettare un’esigenza televisiva era considerato più importante che non rischiare di lasciare vite sui circuiti.James Hunt e Niki Lauda, un inglese e un austriaco, sulla McLaren e sulla Ferrari furono protagonisti nel 1976 di un campionato indimenticabile. Il testa a testa Ferrari-McLaren, l’incidente al Nurburgring che stava per costare la vita al pilota austriaco, la rimonta di Hunt, il sorprendente ritorno in pista di Lauda nel Gran Premio di Monza, l’epilogo in Giappone, al termine di una corsa scriteriatamente disputata in condizioni climatiche da tregenda, il gran rifiuto di Niki che decise di fermarsi subito. Il titolo mondiale assegnato per un solo punto.
        ”Rush” racconta tutto andando oltre, ricostruendo il prologo della rivalità tra i due campioni. Hunt, londinese genio e sregolatezza (sarebbe purtroppo scomparso a soli 45 anni, stroncato da un infarto), sesso e goliardia, la velocità come regola di vita, per tenere lontano il pensiero della morte. Lauda, viennese, raziocinio e qualità applicate ai motori, che “sente” con il sedere. Entrambi piloti in fuga da famiglie che per loro avevano tracciato un futuro diverso.

La bellezza del film costruito da Ron Howard nasce dalla riuscita fusione dei caratteri, dell’intreccio tra il pubblico sportivo ed il privato, cinematograficamente narrato senza enfasi e retorica, cercando un’aderenza ai personaggi. C’è ovviamente qualche licenza narrativa, ma tutto scorre ed è funzionale a mettere a fuoco i protagonisti, che al di là delle apparenze erano due facce di una stessa medaglia, avevano bisogno l’uno dell’altro per realizzarsi. Una rivalità condita dalla stima reciproca, perché ognuno aveva qualcosa che l’altro invidiava.

C’è l’atmosfera di quella Formula 1, così diversa da quella di oggi. E nonostante sia recepito come un film sulla velocità, sulle corse, si fa apprezzare per le sfumature, per una messa in scena accurata, per gli sguardi e per i silenzi. E il duello che era cronaca, sullo schermo acquista toni epici, ma non retorici.
        Diciamo che Ron Howard si è mosso con cura e rispetto. Ha scritto con Peter Morgan una sceneggiatura che funziona (e Niki Lauda ha collaborato dando pareri, raccontando, precisando). Ha avuto da Hans Zimmer una splendida colonna sonora originale (che ripesca anche brani dell’epoca). Ma soprattutto ha scelto un cast che funziona, a cominciare dai due protagonisti. Chris Hemsworth (James Hunt) e Daniel Brühl (Niki Lauda) sembrano davvero gli interpreti ideali di questa coppia di duellanti. Pierfrancesco Favino, ovviamente baffuto, è Clay Regazzoni. Gli appassionati di Formula 1 avranno un tuffo al cuore, rivivranno quelle emozioni rivedendo quelle vetture, quei nomi. E nella memoria, dopo il film, tutto sembrerà ancor più bello.

Lauda ha insegnato a Brühl come essere Lauda

Per fare “Rush”, Ron Howard e la sua squadra si sono documentati, hanno visto fino alla nausea filmati e foto di quegli anni, fino ai fuori onda che mostravano le espressioni più naturali e veritiere di James Hunt e Niki Lauda.
        L’ex ferrarista è stato chiamato a dare pareri, raccontare episodi, situazioni, retroscena. Niki ha voluto conoscere Daniel Brühl, l’attore tedesco che lo avrebbe interpretato e gli ha insegnato anche il suo modo di parlare inglese, la sua cadenza. E’ uno dei motivi per cui il film si apprezza pienamente nella versione originale. Per questo la 01Distribution lo farà uscire anche in versione originale sottotitolata, almeno nelle grandi città (a Roma al cinema Nuovo Olimpia, a Milano e Bologna in sale da definire).
        Daniel Brühl si fece notare in Goodbye Lenin  e soprattutto in Bastardi senza gloria, di Quentin Tarantino (era Frederich Zoller, il giovane eroe di guerra nazista). L’australiano Chris Hemsworth era conosciuto soprattutto per “Thor” ma in Rush dimostra di essere più che un semplice giocattolone da super eroe Marvel.
        Su Pierfrancesco Favino, Ron Howard ha detto che:«Ho avuto subito lui in mente per il personaggio di Regazzoni. Non è un ruolo principale ma è molto importante e credetemi nel film c’è molto più Regazzoni di quanto non stesse nella sceneggiatura e questo grazie alle idee e alla creatività di Pierfrancesco sul set»


Lenti dell'epoca e vetture dai collezionisti

Per ricreare i colori d’epoca sono stati usati lenti e obiettivi degli Anni Settanta. Alastair Caldwell, che fu ingegnere e team manager della McLaren, è stato ingaggiato dalla produzione come consulente tecnico. Hanno contribuito anche molti collezionisti d’auto d’epoca che hanno fornito le vetture originali. In qualche scena apparivano vetture di anni successivi, ma si è rimediato in post produzione “incollando” i modelli giusti.
Filmografia Ron Howard (per i meno giovani sarà sempre Richie Cunningham, di Happy days)

Attore
Pellirosse alla frontiera (Frontier Woman), regia di Ron Ormond (1956)
Il viaggio (The Journey), regia di Anatole Litvak (1959)
The Andy Griffith Show, di Sheldon Leonard (1960) - serie TV, Opie Taylor in 210 episodi (1960-1968)
Door-to-Door Maniac, regia di Billy Karn (1961)
Capobanda (The Music Man), regia di Morton DaCosta (1962)
Una fidanzata per papà (The Courtship of Eddy's Father), regia di Vincente Minnelli (1963)
Village of the Giants (Village of the Giants), regia di Bert I. Gordon (1965)
A Boy Called Nuthin', regia di Norman Tokar (1967)
L'orso Ben (Gentle Ben) – serie TV, 2 episodi (1967-1969)
Smoke, regia di Vincent McEveety (1970)
Lassie (Lassie) - Gary in due episodi del telefilm (1970)
La famiglia Smith (The Smith Family) (1971) - serie TV, Bob Smith in 39 episodi (1971-1972)
Wyoming, terra selvaggia (The Wild Country), regia di Robert Totten (1971)
American Graffiti (American Graffiti), regia di George Lucas (1973)
Happy Mother's Day, Love George, regia di Darren McGavin (1973)
The Migrants, regia di Tom Gries (1974) - film TV
La banda di Harry Spykes, regia di Richard Fleischer (1974)
Locusts, regia di Richard T. Heffron (1974) - film TV
Happy Days (Happy Days), di Garry Marshall (1974) - serie TV, Richard "Richie" Cunningham in 171 episodi (1974-1984)
Huckleberry Finn, regia di Robert Totten (1975)
Il primo nudo musicale (The First Nudie Musical), regia di Mark Haggard e Bruce Kimmel (1976)
Eat My Dust, regia di Charles B. Griffith (1976)
Il pistolero (The Shootits), regia di Donald Siegel (1976)
I'm a Fool, regia di Noel Black (1977)
Attenti a quella pazza Rolls Royce (Grand Theft Auto), regia di Ron Howard (1977)
American Graffiti 2 (More American Graffiti), regia di Bill L. Norton (1979)
The Fonz and the Happy Days Gang, di Garry Marshall (1980) - serie TV, Richard "Richie" Cunningham in 1 episodio (1980)
Act of Love, regia di Jud Taylor (1980) - film TV
Bitter Harvest, regia di Roger Young (1981) - film TV
Fire on the Mountain, regia di Donald Wrye - film TV (1981)
Night Shift - Turno di notte (Night Shift), regia di Ron Howard (1982)
When Your Lover Leaves, regia di Jeff Bleckner (1983) - film TV
David Letterman's Holiday Film Festival, regia di Hal Gurnee (1985)
Return to Mayberry, regia di Bon Sweeney (1986)
Il Grinch (How the Grinch Stole Christmas), regia di Ron Howard (2000)
A Beautiful Mind (A Beautiful Mind), regia di Ron Howard (2001) - unico cameo in un suo film ed ultima apparizione sul grande schermo
Osmosis Jones, regia di Bobby e Peter Farrelly (2001)
Arrested Development - Ti presento i miei (Arrested Development), di Mitchell Hurwitz - serie TV, 53 episodi (2003-2013) narratore

Regista 
Old Paint (1969) - cortometraggio
Deed of Daring-Do (1969) - cortometraggio
Cards, Cads, Guns, Gore and Death (1969) - cortometraggio
Attenti a quella pazza Rolls Royce (Grand Theft Auto) (1977)
Cotton Candy (1978) - film TV
Skyward (1980) - film TV
Through the Magic Pyramid (1981) - film TV
Night Shift - Turno di notte (Night Shift) (1982)
Littleshots (1983) - film TV
Splash - Una sirena a Manhattan (Splash) (1984)
Cocoon - L'energia dell'universo (Cocoon) (1985)
No Greater Gift (1985) - film TV
Gung Ho - Arrivano i giapponesi (Gung Ho) (1986)
Take Five (1987) - film TV
Willow (Willow) (1988)
Parenti, amici e tanti guai (Parenthood) (1989)
Fuoco assassino (Backdraft) (1991)
Cuori ribelli (Far and Away) (1992)
Cronisti d'assalto (The Paper) (1994)
Apollo 13 (Apollo 13) (1995)
Ransom - Il riscatto (Ransom) (1996)
EdTV (EDtv) (1999)
Il Grinch (How the Grinch Stole Christmas) (2000)
A Beautiful Mind (A Beautiful Mind) (2001)
The Missing (The Missing) (2003)
Cinderella Man - Una ragione per lottare (Cinderella Man) (2005)
Il codice da Vinci (The Da Vinci Code) (2006)
Frost/Nixon - Il duello (Frost/Nixon) (2008)
Angeli e demoni (Angels & Demons) (2009)
Il dilemma (The Dilemma) (2011)
Rush (2013)
Inferno (2014)

Sceneggiatore 

Attenti a quella pazza Rolls Royce (Grand Theft Auto) (1977)
Cotton Candy (1978) - film TV
Parenti, amici e tanti guai (Parenthood) (1989)
Cuori ribelli (Far and Away) (1992)

Produttore 

Dalla Terra alla Luna (From the Earth to the Moon) – miniserie TV, 12 puntate (1998)
Changeling, regia di Clint Eastwood (2008)
Katy Perry: Part of Me, regia di Dan Cutforth e Jane Lipsitz (2012)
Rush, regia di Ron Howard (2013)


Filmografia di  Daniel Brühl 

Scimmie come noi (Le château des singes), regia di Jean-François Laguionie (1999) – voce
Schlaraffenland, regia di Friedemann Fromm (1999)
Eine Handvoll Gras, regia di Roland Suso Richter (2000)
Deeply, regia di Sheri Elwood (2000)
Stundenhotel, regia di Susanne Boeing (2000)
Schule, regia di Marco Petry (2000)
Das weiße Rauschen, regia di Hans Weingartner (2001)
Honolulu, regia di Uschi Ferstl (2001)
Nichts bereuen, regia di Benjamin Quabeck (2001)
Elefantenherz, regia di Züli Aladag (2002)
Vaya con Dios, regia di Zoltan Spirandelli (2002)
Good Bye Lenin!, regia di Wolfgang Becker (2003)
Koda, fratello orso, regia di Aaron Blaise e Robert Walker (2003) – voce (doppiaggio tedesco)
Die Klasse von '99 - Schule war gestern, Leben ist jetzt, regia di Marco Petry (2003)
Der letzte Flug, regia di Roger Moench - cortometraggio (2004)
Was nützt die Liebe in Gedanken, regia di Achim von Borries (2004)
Die fetten Jahre sind vorbei, regia di Hans Weingartner (2004)
Ladies in Lavender, regia di Charles Dance (2004)
Farland, regia di Michael Klier (2004)
Joyeux Noël - Una verità dimenticata dalla storia (Joyeux Noël), regia di Christian Carion (2005)
Cargo, regia di Clive Gordon (2006)
Salvador - 26 anni contro (Salvador Puig Antich), regia di Manuel Huerga (2006)
Ein Freund von mir, regia di Sebastian Schipper (2006)
2 giorni a Parigi (2 Days in Paris), regia di Julie Delpy (2007)
The Bourne Ultimatum - Il ritorno dello sciacallo (The Bourne Ultimatum), regia di Paul Greengrass (2007)
In Tranzit, regia di Tom Roberts (2008)
Un poco de chocolate, regia di Aitzol Aramaio (2008)
Krabat e il mulino dei dodici corvi (Krabat), regia di Marco Kreuzpaintner (2008)
John Rabe, regia di Florian Gallenberger (2009)
The Countess, regia di Julie Delpy (2009)
Bastardi senza gloria (Inglourious Basterds), regia di Quentin Tarantino (2009)
Scrittore per caso (Lila, Lila), regia di Alain Gsponer (2009)
Dinosaurier, regia di Leander Haußmann (2009)
Kóngavegur, regia di Valdís Óskarsdóttir (2010)
Die kommenden Tage, regia di Lars Kraume (2010)
Eva, regia di Kike Maíllo (2011)
2 Days in New York, regia di Julie Delpy (2011)
Lezioni di sogni (Der ganz große Traum), regia di Sebastian Grobler (2011)
E se vivessimo tutti insieme? (Et si on vivait tous ensemble?), regia di Stéphane Robelin (2011)
Intruders, regia di Juan Carlos Fresnadillo (2011)
La tentación de Cecilia, episodio di 7 Days in Havana (7 días en La Habana) regia di Julio Médem (2012)
Rush, regia di Ron Howard (2013)
The Fifth Estate, regia di Bill Condon (2013)



Filmografia di Chris Hemsworth
Star Trek, regia di J.J. Abrams (2009)
A Perfect Getaway - Una perfetta via di fuga, regia di David Twohy (2009)
Cash Game - Paga o muori (Cash), regia di Stephen Milburn Anderson (2010)
Thor, regia di Kenneth Branagh (2011)
The Avengers, regia di Joss Whedon (2012)
Biancaneve e il cacciatore (Snow White & the Huntsman), regia di Rupert Sanders (2012)
Quella casa nel bosco (The Cabin in the Woods), regia di Drew Goddard (2012)
Red Dawn, regia di Dan Bradley (2012)
Into Darkness - Star Trek (Star Trek into Darkness), regia di J. J. Abrams (2013) - voce
Thor: The Dark World, regia di Alan Taylor (2013)
Rush, regia di Ron Howard (2013