Google+ Badge

lunedì 25 novembre 2013

CALCIO Sulle spalle di Llorente

http://www.video.mediaset.it/video/sportmediaset/tutti_i_gol/422867/llorente-esalta-zuliani.html   



La Juventus sulle spalle di Llorente. La foto che mostra l'esultanza di Tevez dopo il gol del 2-0 sul Livorno realizzato domenica dall'argentino, è l'istantanea che rappresenta simbolicamente il momento bianconero. Non solo a livello tecnico. Come e perchè lo spagnolo abbia sofferto nei primi mesi bianconeri ce lo hanno spiegato lui stesso e l'allenatore Antonio Conte. Come e perchè abbia superato quei problemi e si sia trasformato in una pedina importante, con i gol ma soprattutto con la sintonia che ha dimostrato di avere nei confronti del gioco della squadra. Il suo lavoro è prezioso, le sue sponde, il suo ripiegare di qualche metro per poi aprire dove si crea il corridoio. I due gol realizzati all'Armando Picchi sono uno spot fantastico per illustrare le sue qualità e il modo in cui ha saputo rendersi prezioso in questa Juventus che ora perfino abbondanza di attaccanti. Il primo nasce da una splendida azione in velocità che squarcia il campo da sinistra a destra, passando per una finezza di Asamoah ed il solito assist gioiello del sempre più fenomeno Pogba. Llorente imprime la firma d'autore, una girata al volo che esalta gli esteti del calcio. Fantastico aver pensato un colpo del genere, fantastico l'aver colpito con potenza e precisione. Un gol da spellarsi le mani dagli applausi. E poi il secondo, una palla difesa caparbiamente nel cuore dell'area livornese, fino all'attimo del tocco propizio per il colpo da biliardo di Tevez, chirurgicamente diretto all'angolino basso accanto al palo alla destra del portiere.
Fin qui la tecnica. Poi sorgono altre considerazioni. Vedere Tevez saltare sulle spalle di Fernando Llorente è un gesto che sa di gioia fanciullesca, spontanea, sincera. E per questo bellissima. Indice di quanto i due nuovi attaccanti abbiamo legato tra loro e nella Juventus. E nel filmato Mediaset, osservate come Quagliarella si alza dalla panchina per applaudire a braccia alzate il gol dello spagnolo.


Note a margine: regolamento docet, c'era un rigore per la Juventus per il fallo di mano in area commesso da Ceccherini pochi minuti prima dell'1-0, in seguito ad un tocco ravvicinato di Llorente. Però vado controcorrente e dico che l'arbitro Massa ha fatto bene a non fischiarlo perchè mi è apparso chiaramente involontario, anche se le braccia del difensore erano allargate, la giocata dell'ex centravanti dell'Atletico Bilbao è stata repentina ed imprevedibile. Senza contare le polemiche che ci siamo risparmiati: insomma, il rigore avrebbe offuscato una vittoria limpidissima. Naturale pensare, tuttavia, cosa sarebbe accaduto se l'arbitro avesse sorvolato su un analogo fallo commesso in area juventina. Tanto per ribadire l'invito a vivere il calcio con meno veleni e maggior sportività.