Google+ Badge

lunedì 28 aprile 2014

CALCIO Juventus, che errore con Quagliarella!

Ho sempre stimato molto Fabio Quagliarella, per quello che ha saputo dare alla Juventus, per le speranze che ha alimentato ogni volta che si è alzato dalla panchina per entrare in campo. Spesso determinante, sia pure negli spiccioli di tempo in cui ha poturo esprimersi (basta pensare alla vittoria di Parma, con l'1-0 arrivato dopo una sua invenzione, il classico suo tiro dall'impossibile).
Perciò quando lessi che era rimasto fuori dalla lista per l'Europa League mi dispiacque moltissimo, per lui a livello umano, per la Juve perchè temevo che se ne sarebbe pentita. Ora che siamo al redde rationem, la Juventus scopre di soffrire il mal d'attacco. Dietro Tevez e Llorente c'è solo il fortunatamente rinato Giovinco (un altro spesso e a torto non adeguatamente considerato).
Sia Vucinic che Osvaldo, per ragioni diverse, hanno fortemente deluso. Provate a immaginare Quagliarella in campo a Lisbona, al posto dell'inconcludente Mirko visto col Benfica. Anzi meglio di no, troppi rimpianti.
Osvaldo ha avuto la sua grande occasione anche nella partitissima di Napoli. Ma non si è visto.
Sappiamo che Quagliarella ha pagato il rifiuto di accettare il trasferimento (al Norwich o alla Lazio), per far posto a Osvaldo. Ma non era meglio tenerselo stretto e lasciare Osvaldo al Southampton?
Ecco, avere Quagliarella ed emarginarlo è stato il grosso errore della Juventus nella gestione di questa seconda parte di stagione. Ma non mi pare che se ne ricordino in molti.