Google+ Badge

sabato 3 ottobre 2015

VOLLEY Dieci minuti di troppo e una coppa che non sarà più Super



Da osservatore ormai esterno della pallavolo di club, mi permetto di esprimere dissenso su questi due provvedimenti decisi dalla Lega Pallavolo maschile.
 



1) «Inoltre, sempre per favorire lo spettacolo e la visibilità del nostro sport, due Club potranno in via sperimentale scegliere se far disputare entrambe le proprie partite di Campionato con un intervallo di 10 minuti tra secondo e terzo set, sfruttandolo dal punta di vista promozionale e dello show.


Uno degli storici problemi della pallavolo è stato quello di non poter conoscere l'esatta durata delle partite. E proprio l'eccessiva lunghezza è stato sempre un freno e un problema sia per i palinsesti televisivi, nell'epoca in cui ancora non erano nati i canali di RaiSport, e anche per i giornali. Giornali che hanno progressivamente anticipato gli orari di chiusura e per i quali le partite in notturna costituiscono un incentivo a... diminuire o azzerare gli spazi. Aggiungere una pausa di dieci minuti in gare che iniziano alle 20.30 o anche oltre mi sembra un'opzione decisamente negativa e deleteria. Capiterà che, se va bene, dei turni infrasettimanali anche i quotidiani sportivi potranno pubblicare solo risultati e classifiche. A meno che la decisione della Lega non nasca dalla presa d'atto che il campionato sui giornali non va (salvo lodevoli eccezioni) e dunque chissenefrega a che ora finiscono le partite.

") Il Consiglio di Amministrazione ha poi approvato una nuova formula per la Del Monte® Supercoppa a partire dal 2016: sarà trasformata in quadrangolare per le squadre col migliore diritto di partecipazione alle Coppe Europee»




Per certe cose sportive sono un tradizionalista. La Supercoppa deve giocarsi tra chi vince il campionato e chi alza la Coppa Italia. Ho sempre criticato la scelta di quegli sport che hanno allungato il brodo, non posso esimermi dalla condanna ora che anche la pallavolo fa cadere questo baluardo di sportività. Soprattutto pensando che la Supercoppa si gioca a inizio stagione, quando è già difficile trovare una serata libera per un duello. Ora le serate diventano due, negli spazi spesso angusti della settimana che segue gli Europeie precede l'inizio del campionato (parlo in generale, non del prossimo). E poi, una Coppa che va a una squadra che non ha vinto nulla l'anno prima, a che titolo puà essere chiamata Super?