Google+ Badge

giovedì 16 marzo 2017

VOLLEY & MEDIA World Tour al Foro, è mancata trasparenza

Ringrazio i Rolling Stones, per la splendida raccolta e per il logo 

La prima gaffe comunicativa comportamentale della nuova Fipav ha fatto emergere il peggio di quanto circonda il mondo politico e dei reggicoda interessati della pallavolo italiana. E' come minimo fuorviante far credere che la data di Roma fosse un'invenzione del precedente governo federale, di cui lo stesso nuovo presidente faceva parte in qualità di vice, dato che non era stato firmato alcun contratto. Buon per la Fipav se quell'accordo, che determinò l'inserimento di Roma nel calendario diffuso a dicembre 2016 dalla Fivb nelle date 7-11 giugno (e ancora lunedì mattina le date comparivano nel grafico-planning della Federazione Internazionale) non recava le firme, per un eccesso di fiducia o per una leggerezza (entrambe le cose comunque provvidenziali per la Fipav: me ne rallegro) della Fivb, abituata che quando l'Italia dava una parola, gli impegni venivano poi rispettati. Il fatto che non si dovranno pagare i 160.000 dollari della penale è positivo, una bella notizia. Ma il presidente farebbe bene, nel festeggiare il pericolo scampato, ad informare i suoi fan praticanti del lick, che il World Tour non era un'invenzione e che se non sarà pagata penale è solo perchè sotto al contratto stilato, non si sa bene per quale motivo (ora benedetto) non furono apposte le firme.

Poi ringrazio chi ha fornito spunti di umorismo, perchè ridere, anche se amaramente, fa sempre bene.


Sul web si è letto:
In attesa di comunicazioni federali, dalla Svizzera, sede della FIVB, arrivano le prime anticipazioni internazionali. Pere che l’Italia non organizzerà il World Tour 2017.

Prime anticipazioni internazionali? Ma se da lunedì tutta l'Italia lo sapeva...! Mi chiedo se quel pere sia un voluto omaggio al linobanfese, la lingua resa celebre dal cinema - Lino Banfi copyright, o alla Puglia del vicepresidente federale Manfredi (che però non parla così...)

 Sul web ho letto ancora

La parziale rinuncia federale – ci risulta infatti non ci fosse nessun un accordo firmato dalla vecchia gestione Fipav, la quale aveva però sbandierato in piena campagna elettorale l’evento come cosa fatta – non comporterà quindi nessuna penale al movimento italiano come invece ventilato – precipitosamente – da qualche media italiano.

Beh questo è un capolavoro di... non trovo le parole ma posso esprimere il concetto con l'immagine del logo dei Rolling Stones (loro hanno pubblicato Forty licks o la faccia di Del Piero dopo un gol). Parziale rinuncia? Spot pre elettorale? Ma di che parliamo? Usare la parola parziale significa che la rinuncia non è stata completa, che si farà solo mezzo torneo? Ma no, naturalmente, probabilmente si intendeva che in realtà non c'era alcun torneo stabilito pe rcui si, insomma, in fondo, non si è rinunciato completamente... Lascio al lettore eventuale la valutazione.
Che il Coni alla fine sia stato ben felice di sottrarsi dall'impegno, non più spinto dalla Fipav è un conto, ma dire che il Coni e Coni Servizi si fossero impegnati per una evento inesistente è decisamente altra cosa. 
Riguardo poi al precipitosamente, la parola esprime un giudizio e mi rendo conto che chi non è cresciuto nell'ambiente del giornalismo ha i suoi tempi e aspetta i comunicati per pubblicarli e riempire il web rilanciandoli. Ma i giornali non si fanno con i comunicati dei club o delle federazioni, non sono apparati burocratici e le notizie, quando si hanno, cercano di farle conoscere nel momento in cui accadono, non quando fa comodo farle sapere a chi ha tutto l'interesse a nasconderle. 
 Passiamo alla Fipav e al suo comunicato.
Ha scritto tra l'altro il presidente Fipav, Bruno Cattaneo: «Questa decisione viene ufficializzata soltanto oggi perché ci è sembrato giusto e doveroso seguire un corretto iter: decisione assunta nella riunione del Consiglio Federale, confronto con il Comitato Olimpico Italiano che ha pienamente compreso e approvato le nostre ragioni, ed infine ufficializzazione della nostra scelta alla Fivb» 

No, caro presidente, ecco perchè penso (ma è solo la mia opinione) che la sua sia stata una gaffe. I suoi tempi non sono stati consoni. L'iter non è stato corretto ma scorretto, nei confronti di chi opera nell'informazione pallavolistica e degli azzurri del beach volley, a cominciare dalle medaglie d'argento olimpiche di Rio 2016, Nicolai e Lupo. La Fipav trasparente sbandierata in campagna elettorale doveva comunicare subito la sua decisione di non ospitare la tappa romana del World Tour. Così si che sarebbe stato corretto. Condivisibile o meno la decisione Fipav, ma almeno corretta nella forma. Perchè non è stata menzionata fino a poche ore fa? 
Se vuole che la stampa segua il lavoro della Fipav nel suo quadriennio, deve imparare (magari si faccia consigliare) come ci si rapporta con i media e come si comunica. 
Se le preme essere corretto, naturalmente.

http://leandrodesanctis.blogspot.it/2017/03/volley-media-world-tour-cancellato.html

 http://leandrodesanctis.blogspot.it/2017/03/pallavolo-niente-world-tour-roma-la.html

 http://leandrodesanctis.blogspot.it/2017/03/volley-la-fipav-cancella-il-world-tour.html

IL CALENDARIO FIVB FINO A LUNEDI SCORSO

Gennaio 12-14 – Pacific Harbour, Fiji (maschile/femminile); Febbraio 7-12 – Fort Lauderdale Major, Fort Lauderdale, Stati Uniti (maschile/femminile); 15-18 – Kish Island, Iran (maschile); Marzo 3-5 – Shepparton, Australia (maschile/femminile); 17-19 – Sydney, Australia (femminile); Aprile 15-16 – Selangor, Malaysia (maschile/femminile) 20-23 – Xiamen, Cina (maschile/femminile); Maggio 3-7 – Rio de Janeiro, Brasile (maschile/femminile) – da confermare; 11-14 – Praga, Rep.Ceca (maschile/femminile) - da confermare, 23-28 – Lucerna, Svizzera (maschile/femminile); 31- Giugno 4 – Mosca, Russia (maschile/femminile); 7-11 – Roma, Italia (maschile/femminile); 17-18 – Principato di Monaco (femminile); 27-Luglio 2 – Porec, Croazia (maschile/femminile); Luglio 4-9 – Gstaad, Svizzera (maschile/femminile); 11-16 – Nanjing, Cina (Mondiali U21) (maschile/femminile); 14-16 – Daegu, Korea (femminile); 20-23 – Olsztyn, Polonia (maschile/femminile);  20-22 – Ulsan, Korea (femminile); 21-23 –  Agadir Beach, Morocco (maschile/femminile); 28-30 – Espinho, Portogallo (maschile); 28-Agosto 6 – Vienna, Austria - Mondiali Beach Volley 2017 (maschile/femminile); Agosto 8-13 – Amburgo, Germania (maschile/femminile); 22-27 – Canada - Finali World Tours (maschile/femminile); Ottobre 11-15 – Qinzhou, Cina (maschile/femminile). Da confermare una tappa a Long Beach.